Tingere l’anima

  • Ezio Albrile Investigador independiente. Cesmeo, Turín
Palabras clave: Arte cristiana, Gnosticismo, Testi di Nag Hammadi, Alchimia, Ermetismo

Resumen

Una piccola chiesa nell’Italia del nord (a Valdurna-Durnholz, nei pressi di Bolzano) esibisce dei dipinti risalenti al XV secolo in cui si ripresentano antichi motivi gnostico-alchemici. In essi un angelo lava l’anima e le impartisce un battesimo celeste, una immagine che troviamo anche in un testo della biblioteca di Nag Hammadi, il Vangelo di Filippo, in cui la purificazione dell’anima e descritta nei termini di un lavaggio e di una immersione in una sostanza detergente; un lessico che trae origine dalle operazioni di lavaggio e di tintura dei tessuti, in particolare dalle manipolazioni di natura alchimica. Ermetismo alchemico, gnosticismo e cristianesimo condividono infatti un comune intento soteriológico che si e trasmesso all’Occidente in forme spesso difficili da decifrare.

Descargas

La descarga de datos todavía no está disponible.
Consultas del resumen: 417
PDF (Italiano) : 576
Publicado
2017-10-05
Cómo citar
Albrile, E. (2017). Tingere l’anima. ARYS. Antigüedad: Religiones Y Sociedades, (13), 189-206. https://doi.org/10.20318/arys.2017.3846
Sección
Varia