Circolazione delle sentenze all’interno dell’Unione europea e ordine pubblico

Una recente pronuncia della Cassazione italiana

  •  Curzio Fossati Università degli Studi di Cagliari
Palabras clave: Regolamento (UE) n. 1215/2012 (Bruxelles I-bis), riconoscimento ed esecuzione delle sentenze straniere, motivi ostativi,, ordine pubblico, rilevabilità d’ufficio del motivo ostativo, obbligo di rinvio pregiudiziale, danni punitivi

Resumen

La Corte di Cassazione italiana si è di recente pronunciata sulla compatibilità con l’ordine pubblico italiano del riconoscimento di una sentenza danese che condannava una società italiana al pagamento di una ammenda per violazione della normativa previdenziale. La pronuncia affronta numerose questioni relative al motivo di diniego in questione, tra le quali, in particolare, la sua applicabilità in caso di violazione dell’obbligo di rinvio pregiudiziale alla Corte di giustizia da parte del giudice d’origine della pronuncia e in caso di condanna al risarcimento di danni punitivi. La sentenza inoltre offre l’occasione per compiere alcune riflessioni sull’evoluzione del concetto di ordine pubblico nel contesto della circolazione delle sentenze all’interno dell’Unione europea.

 

Descargas

La descarga de datos todavía no está disponible.
Consultas del resumen: 75
PDF (Italiano) : 34
Publicado
2024-02-29
Cómo citar
Fossati, Curzio. (2024). Circolazione delle sentenze all’interno dell’Unione europea e ordine pubblico: Una recente pronuncia della Cassazione italiana. CUADERNOS DE DERECHO TRANSNACIONAL, 16(1), 782-797. https://doi.org/10.20318/cdt.2024.8446
Sección
Varia