Scritture popolari e Grande Guerra

Una rivoluzione copernicana

Palabras clave: Grande Guerra, oralità/scrittura, gente comune, soggettività, autobiografía

Resumen

Le classi subalterne hanno scritto il loro «diario» della prima guerra mondiale? Fino agli anni Settanta gli storici, in Italia e non solo, pensavano di no. Avevano dimenticato lezioni come quella del filologo austriaco Leo Spitzer, il primo a raccogliere e a studiare le lettere dei prigionieri di guerra italiani. Negli anni Settanta ci fu un improvviso risveglio dell’attenzione sulle lettere, i diari e le memorie dei soldati semplici e della gente comune. Il saggio descrive i protagonisti, le tappe e le caratteristiche di questa rivoluzione di prospettiva sull’evento sconvolgente che ha aperto il secolo ventesimo.

Descargas

La descarga de datos todavía no está disponible.
Consultas del resumen: 126
PDF (Italiano) : 761
Publicado
2022-07-21
Cómo citar
Gibelli, A. (2022). Scritture popolari e Grande Guerra: Una rivoluzione copernicana. REVISTA DE HISTORIOGRAFÍA (RevHisto), (37), 39-57. https://doi.org/10.20318/revhisto.2022.7054
Sección
Artículos