Il foro della residenza abituale del coniuge nel Regolamento (CE) N° 2201/2003: note a margine delle prime pronunce italiane

Cristina Campiglio

Resumen


Riassunto: Lart. 3 del Regolamento (CE) n° 2201/2003 prevede, in materia matrimoniale, una serie di titoli di giurisdizione alternativi, incentrati prevalentemente sulla residenza abituale di uno o di entrambi i coniugi. Quella di residenza abituale è tradizionalmente considerata nozione atecnica, di natura fattuale, il cui elemento obiettivo è costituito dalla stabilità: controverso è invece se debba sussistere anche un elemento soggettivo, se cioé la stabilità debba essere intenzionale. Due recenti ordinanze della Cassazione italiana relative al forum actoris prescindono dalla volontà del soggetto di conferire stabilità alla propria residenza. Opposta è invece la posizione assunta dalla Cour de Cassation francese. Il dilemma tra uninterpretazione restrittiva della nozione di residenza abituale del coniuge e uninterpretazione estensiva potrebbe utilmente essere risolto dalla Corte di Giustizia.

Parole chiave: Giurisdizione, Regolamento 2201/2003, residenza abituale, interpretazione.


Abstract: Concerning matrimonial matter, the Article 3 of Regulation (EC) n° 2201/2003 lists numerous alternative jurisdiction titles, prevailingly based on the habitual residence of either or both spouses. In international practice the notion of habitual residence is traditionally atechnical, of factual nature, and typically recalls the element of stability in residence, whereas that stability must be also intentional is uncertain. Two recent decisions by the Italian Corte di Cassazione about forum actoris leave intentionality of stable residence apart. By contrast, the French Cour de Cassation gives relevance to the volontary element. The issue of the weight to be given to the intentionality element should be addressed by the Court of Justice.

Key words: Jurisdiction, Regulation 2201/2003, habitual residence, interpretation.

Texto completo:

PDF


Copyright (c) 2020 Se permite que los autores de los trabajos de investigación publicados en la Revista los reproduzcan en otros sitios siempre que se haga mención de que han sido previamente publicados en Cuadernos de Derecho Transnacional (CDT)

Cuadernos de Derecho Transnacional- CDT EISSN: 1989-4570
editada por por el Área de Derecho Internacional Privado de la Universidad Carlos III de Madrid.
http://www.uc3m.es/cdt